Studio dott.ssa Rizzato

Psicologa a Milano

via Caccialepori 11
20148 Milano
tel. 320 77 424 78

Navigazione

Contenuto della pagina

bambina dormebambina non dormebambino non dorme

 

Il tuo bambino fa fatica ad addormentarsi o a fare la nanna nel suo lettino?

Spesso i genitori riferiscono che i loro bambini fanno fatica ad addormentarsi o a dormire da soli nella loro cameretta. Questa difficoltà comporta:

  • una peggiore qualità della vita del bambino, che non dormendo bene sarà più stanco e capriccioso durante il giorno,
  • un riduzione del benessere dei genitori che spesso si trovano ad essere esausti e nervosi e a vedere molto ridotti gli spazi di intimità di coppia.

Ecco alcuni consigli che è utile seguire per favorire una corretta abitudine al sonno nel bambino:

  1. mantenete per quanto possibile un orario stabile in cui mettere a nanna il bambino: l’orario migliore coincide con il momento in cui vedete che il bambino inizia a essere stanco (non aspettate che sia esausto!)
  2. create una routine che permetta al bambino di predisporsi al momento della nanna: dopo cena evitate giochi vivaci, rumori forti, televisione e prediligete attività tranquille come le coccole, la lettura di una storia, canzoncine adatte alla nanna.
  3. Inventate con il vostro bambino dei rituali che segnino il passaggio dal giorno alla notte (dare la buonanotte ai familiari, ad alcuni oggetti speciali per il bambino..)
    date al bambino un oggetto del cuore, che può essere un a copertina, un peluche, una bambola, da abbracciare nel momento di passaggio al sonno
  4. Quando il bambino è assonnato, mettetelo nel suo lettino e lasciate che si addormenti da solo. Durante la notte capita inevitabilmente che i bambini si sveglino, se quando si svegliano ritrovano le stesse condizioni esterne che hanno lasciato al momento di addormentarsi, sono più sicuri e tranquilli e si riaddormentano facilmente da soli. Invece, addormentarsi con i genitori e svegliarsi da soli nel lettino, può essere destabilizzante per un bambino, che reagirà piangendo e cercando mamma e papà.


Se nonostante i vostri sforzi il bambino continua a non riuscire a dormire nel suo lettino e se questa situazione sta diventando difficile da sopportare sia per il bambino che per il benessere della coppia genitoriale può essere utile rivolgervi a uno psicologo.
Uno psicologo che si occupa quotidianamente dei problemi dei bambini può aiutarvi a inquadrare cosa impedisce al bambino di avere la sicurezza necessaria per addormentarsi da solo nel suo letto e sostenervi nel difficile percorso di educarlo ad avere una corretta abitudine al sonno. Se il bambino è ancora piccolo possono essere sufficienti tre/quattro incontri con i genitori per modificare la situazione, se il bambino è in età scolare, diventa ancora più importante intervenire efficacemente per il suo benessere.

Altri approfondimenti