Studio dott.ssa Rizzato

Psicologa a Milano

via Caccialepori 11
20148 Milano
tel. 320 77 424 78

Navigazione

Contenuto della pagina

 

 

Separazione dei genitori

La separazione di una coppia genitoriale coinvolge necessariamente anche i bambini, nonostante gli sforzi dei genitori per evitare che ciò accada.
Questo non vuol dire che i bambini risentiranno necessariamente della separazione dei genitori, infatti, contrariamente a quanto spesso si crede, in certi casi il bambino potrà vivere più serenamente se i genitori si separano, anziché restare insieme con un rapporto altamente conflittuale e infelice.

Il modo in cui il bambino vivrà la separazione è strettamente correlato:

  • al grado in cui i genitori riescono a gestire e elaborare le forti emozioni che questa situazione suscita
  • alla loro possibilità di continuare a vedersi come una coppia genitoriale, pur non essendo più una coppia coniugale.


Che emozioni può vivere il bambino ?

  • Incertezza e preoccupazione per il futuro: i bambini scoprono che non tutte le relazioni durano per sempre, e possono avere paura per ciò che sarà del loro rapporto con la mamma e con il papà, spesso attraverso il timore di essere abbandonati.
  • Rabbia verso i genitori che si stanno separando, o verso un solo genitore
  • Desiderio, espresso più o meno esplicitamente, che i genitori tornino insieme
  • Senso di colpa per la fine della relazione

Può accadere che le preoccupazioni del bambino per la situazione che sta vivendo si manifestino con sintomi quali:

  • difficoltà scolastiche (scarsa attenzione a scuola, comportamenti negativi, fobia scolastica)
  • piccole regressioni
  • disturbi del sonno o dell’alimentazione
  • comportamenti provocatori
  • enuresi (pipì a letto) o encopresi


Come affrontare la situazione

I genitori, in un momento così delicato, potrebbero aver bisogno dell’aiuto di uno psicologo per ritrovare le proprie risorse e costruire un ruolo genitoriale differenziato dal ruolo coniugale.
In questi momenti, per aiutare il bambino, è importante:

  • evitare di coinvolgere i figli nel conflitto di coppia
  • mantenere coerenza e stabilità
  • cercare di costruire una comunicazione chiara e aperta

In molti casi una consulenza con uno psicologo permette di raggiungere questi obiettivi e di alleviare, all’interno di un contesto protetto e comprensivo, le preoccupazioni e le paure dei bambini.

Altri approfondimenti