Studio dott.ssa Rizzato

Psicologa a Milano

via Caccialepori 11
20148 Milano
tel. 320 77 424 78

Navigazione

Contenuto della pagina

 

 

Armonia di coppia

Quali sono i fattori che aiutano una coppia a vivere serenamente? L’armonia di un legame di coppia è sicuramente influenzata dalle modalità di comunicazione che hanno scelto di adottare i partners. Altri aspetti chiave per il benessere della relazione sono: l’intimità, la fiducia, l’ascolto reciproco, la capacità di accettare e mostrare le vulnerabilità, l’alleanza, il confronto e la gratificazione.

Affrontare il disaccordo

Quando parlo di armonia di coppia non intendo una situazione priva di qualunque conflitto o discussione, poiché in quel caso tenderebbero a mancare il confronto, l’alleanza, l’intimità.
In una coppia “sana” ci deve essere la capacità di tollerare la presenza di conflitti; l’incontro con l’altro necessita di momenti di confronto, discussione, disaccordo, che, se affrontati in modo costruttivo, portano alla crescita personale e della coppia.

In alcune coppie capita che i membri sentano di non poter esprimere il proprio disagio, magari per:

  • paura di poter perdere l’altro
  • di creare situazioni di esagerata tensione
  • o per la speranza che la situazione si risolva con il tempo

Questo può portare ad accettare situazioni che in realtà generano disagio, come

  • l’intrusione da parte di alcuni membri della famiglia estesa nella vita di coppia
  • lo scarso equilibrio nella gestione della vita familiare
  • la scarsa intimità…

Questi aspetti, se non vengono affrontati all’interno della coppia, possono essere dirottati in comportamenti ostili messi in atto durante la quotidianità, che finiscono con l’allontanare i membri della coppia e con il creare un circolo vizioso basato su rancori e rimproveri volti a evidenziare le mancanze dell’altro, che di fatto finiscono con l’esasperare la situazione.

L'equilibrio nella coppia

Un legame stabile prevede la presenza di un equilibrio di coppia, basato su continue riorganizzazioni del legame necessarie per affrontare gli eventi che della vita.

La stabilità in questo caso è molto diversa dall’immobilismo, perché richiede la capacità di adattarsi e adattare il proprio ruolo all’interno della relazione in funzione della situazione. Se i membri di una coppia adottano ruoli rigidi e sempre uguali, rischiano prima o poi di sentirsi soffocare dentro a un’immagine di sé che non permette di esprimere appieno tutte le proprie necessità e le proprie risorse. Quando questo avviene si crea un immobilismo che può portare, ad esempio, a vedere una persona come “forte” e l’altra come “bisognosa”, rendendo difficile per la coppia affrontare un momento della vita in cui è il partner “forte” ad avere in realtà bisogno di supporto.

In tutte le coppie può capitare che avvengano fatti (sul lavoro come in famiglia) che portano uno dei membri a essere temporaneamente più fragile, disorientato, meno capace di andare incontro all’altro. In questi casi il partner in quel momento più sereno può scegliere se:

  • camminare verso l’altro
  • o se non modificare il suo percorso, magari perché ritiene ingiusto dover fare più strada.

La capacità della coppia di modificare i ruoli quando si presenta la necessità di farlo è una premessa fondamentale per gettare delle basi solide che permettano di affrontare con serenità gli eventi della vita.

Rivolgersi a uno psicologo

In certi casi alcune di queste modalità di interazione, dannose per il rapporto, possono essere molto radicate nella coppia; per questo può essere importante la presenza di un consulente esterno, che aiuti i partner a dipanare il groviglio di conflittualità e rancori per permettere alla relazione di evolvere e rifiorire.

Altri approfondimenti