Studio dott.ssa Rizzato

Psicologa a Milano

via Caccialepori 11
20148 Milano
tel. 320 77 424 78

Navigazione

Contenuto della pagina

AdolescentiRagazzo con chitarraRagazzaRagazzo con palloneScarpeRagazza studia

Parole chiave:

L'adolescenza è il momento in cui si passa dallo stato di bambino a quello di adulto e bisogna costruire la propria identità.
Spesso l'adolescente si chiude in sè stesso per poter scegliere da solo come costruire il suo sè adulto.

Consulenze con adolescenti

L’adolescenza è il periodo del ciclo di vita in cui si verifica la transizione dallo stato di bambino a quello di adulto. Durante questa fase di cambiamento i ragazzi si trovano spesso ad avere dubbi su se stessi, sulla propria identità, sono preoccupati per il proprio corpo che cambia e si trovano ad affrontare frequenti tensioni con i genitori.

Questi aspetti, propri dell’adolescenza, possono talvolta assumere dimensioni eccessive, provocando stati di sofferenza che impediscono ai ragazzi di portare a termine in modo positivo la fase di cambiamento.

Possiamo immaginare i ragazzi adolescenti come viaggiatori di un labirinto, stanno cercando la strada che porti all’uscita (e con essa alla crescita e all’indipendenza), ma possono facilmente perdersi e possono avere bisogno, per ritrovare la strada, di figure che li sostengano.

Per questi motivi può essere utile una consulenza con uno psicologo, che aiuti il ragazzo a chiarire dubbi, preoccupazioni e problemi, facilitando il superamento di momentanei blocchi nella costruzione dell’identità.

I disagi più comuni per cui si avvia una consulenza con adolescenti riguardano:

  • Difficoltà rispetto alla propria identità
  • Dubbi rispetto al proprio progetto di vita
  • Tensioni con i genitori (desiderio di allontanarsi dai genitori, di sentirsi trattati da adulti, di non essere “soffocati”)
  • Problemi scolastici
  • Disagio rispetto al proprio corpo
  • Difficoltà nelle relazioni con i coetanei
  • Sofferenze amorose

Tuttavia spesso per un adolescente è particolarmente difficoltoso pensare di lasciarsi aiutare da un adulto; in questa fase i ragazzi sono determinati a dimostrare la propria indipendenza dagli altri e in particolare dal mondo degli adulti e possono non vedere la necessità di rivolgersi a uno psicologo.

In questo caso si può avviare una consulenza di sostegno alla coppia genitoriale, per valutare insieme il rapporto che si è creato tra i genitori e i figli adolescenti e la presenza di eventuali condizioni che indichino un reale stato di disagio dei figli.

Altri approfondimenti