Studio dott.ssa Rizzato

Psicologa a Milano

via Caccialepori 11
20148 Milano
tel. 320 77 424 78

Navigazione

Contenuto della pagina

Domande frequenti

Le persone che hai vicino ti possono ascoltare e consolare, possono fornirti un loro parere sulla situazione, ma non sarà un parere competente né obiettivo, poiché sono persone coinvolte con emozioni, giudizi e sentimenti nella tua vita. Per questi motivi, i familiari e gli amici pur fornendoti un affetto e una vicinanza fondamentali, non possono aiutarti a uscire da una situazione di disagio psicologico. Lo psicologo attraverso un ascolto attento, competente e non giudicante ti aiuta a trovare nuovi punti di vista per leggere quello che sta succedendo e per affrontare efficacemente le situazioni problematiche.
Lo psicologo non puo' prescrivere farmaci, psicofarmaci compresi. I farmaci possono essere prescritti dallo psichiatra, medico specializzato in psichiatria tra le cui competenze rientra la prescrizione di psicofarmaci quali antidepressivi, ansiolitici, antipsicotici.
Per favorire il benessere del cliente, qualora assuma psicofarmaci, solitamente si sceglie di instaurare una collaborazione tra psicologo e psichiatra.
Il fatto che una persona stia assumendo psicofarmaci non riduce l'utilità di un intervento psicologico: in molti casi, almeno in una prima fase, affiancare al trattamento farmacologico un trattamento psicologico è la scelta più appropriata.
Per svolgere un colloquio psicologico con un bambino è necessaria l'autorizzazione di entrambi i genitori. Se un genitore ritiene che non sia opportuno che il bambino vada da uno psicologo la scelta migliore è che i genitori (o il genitore disponibile) effettuino un colloquio con lo psicologo per valutare insieme la situazione.
Per poter effettuare un colloquio è necessario prendere un appuntamento telefonando al numero 320 77 424 78. L'orario e il giorno del colloquio verranno concordati cercando di venire il più possibile incontro alle tue esigenze.
Non è necessario portare fisicamente del materiale personale durante i colloqui, poiché, per far capire il problema, è sufficiente raccontare a parole gli avvenimenti e le emozioni che hai vissuto. Tuttavia, se ritieni importante portare qualcosa di scritto o delle fotografie, puoi farlo tranquillamente, useremo il materiale che porti come spunto per iniziare ad approfondire il problema.

Altri approfondimenti